Come difendersi dal fermo amministrativo

Problemi auto: il fermo amministrativo

Molto spesso capita di incappare in uno dei problemi più odiosi legati al mondo delle auto: il fermo amministrativo. Si tratta di un problema in cui molto spesso si è costretti a non utilizzare l’auto per un preciso lasso di tempo. Ci sono però alcune accortezze che potrete rendere per far in modo che il fermo amministrativo non vi tocchi in nessun modo. In ogni caso, se avete bisogno di informazioni a riguardo, vi basta visitare il sito https://www.avvocatotributariomilano.it/

La situazione che potrebbe presentarsi

Facciamo un esempio pratico. Mettiamo che  potrebbe capitarti che la tua auto sia sottoposta ad un fermo amministrativo da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. Per evitate una situazione spiacevole come questa, una cosa che potresti fare è quella di intestare l’auto a tua moglie. Ma è molto importante evitare passaggi che potrebbero risultare sospetti come una donazione o una simulazione di vendita e di stabilire un corrispettivo seppur minimo che sarà tracciato dalla presenza di un bonifico dal conto della donna a quello del marito.

Le conseguenze di questo passaggio di proprietà

Ma in molti potrebbero chiedersi se si tratta di manovre che risultano essere legali e se si tratta di passaggi che possono essere fatti solo prima del fermo amministrativo o anche dopo.

Vediamo insieme di dare una risosta a queste domande.

L’intestazione fittizia è di sicuro un metodo che può essere utile per evitare il fermo amministrativo di un auto. Inoltre, dobbiamo sapere che per legge, è obbligatorio che sul libretto sia appuntato l’uso continuativo di un’auto da parte di una persona diversa dall’intestatario se il periodo di tempo è di almeno 30 giorni di seguito. Si tratta però di una regola che non vale per le persone dello stesso nucleo familiare. In questo modo il marito, che ha appena intestato l’auto alla moglie, potrà comunque continuare a guidarla senza nessun problema.

Bisogna sapere però, che per far in modo che la cessione dell’auto sia valida, è bene che tutto ciò avvenga prima della notifica di fermo avvenuto. Se ciò non viene fatto seguendo i tempi prestabiliti, ossia che il passaggio viene fatto dopo che il soggetto in questione ha già ricevuto la notifica di fermo. L’intestazione viene catalogata in modo automatico come frode alla legge, fatta semplicemente per aggirare la misura cautelare. In questo caso tutta la pratica verrà annullata in modo automatico.

Infatti, secondo la Cassazione, si pensa che sia normale che marito e moglie oppure una coppia convivente, si comunichino tra loro tutto ciò che accade all’interno della vita reciproca uno dell’altra. Per questo è logico sapere che il convivente è a conoscenza dell’imminente fermo amministrativo e quindi nessuno crederà mai che il soggetto a cui sarà intestata l’auto è del tutto ignaro ai fatti. Ed è proprio questa situazione che potrebbe far in modo che l’intera vendita sia annullata.

La situazione risulta molto più semplice se l’auto viene donata, in questo caso, l’Agenzia Entrate Riscossione, non potrà dimostrare la consapevolezza del debito del donante in nessun modo, in questo modo potrà revocare l’atto di cessione senza aver bisogno di dimostrare troppi dati.