Adiposità localizzate come eliminarle

Adiposità locallizzata

Molte donne che cercano dei rimedi efficaci per ridurre l’aspetto di cellulite, cicatrici, occhiaie e persino smagliature stanno scoprendo un trattamento di bellezza noto come carbossiterapia. La procedura non chirurgica utilizza un ago molto piccolo per iniettare il biossido di carbonio appena sotto la superficie della pelle nella zona del corpo interessata. La carbossiterapia ha tra l’altro lo scopo di stimolare la circolazione e la produzione di collagene che può rendere la pelle più giovane e sana.

La carbossiterapia è un metodo non invasivo che consistente in piccole infiltrazioni di anidride carbonica nei tessuti interessati. Questa terapia è nata in Francia negli anni ’50, quando un gruppo di cardiologi hanno iniziato a testarla su pazienti affetti da diverse patologie con deficit di flusso sanguigno come caratteristica comune. Oggi questo metodo grazie anche al progresso tecnologico è in grado di fornire con macchinari e strumenti adatti degli eccellenti risultati dal punto di vista estetico per la gioia di tantissime donne.

Cos’è la cellulite?

La cellulite è un processo molto complesso il cui comune denominatore fisiologico è un disturbo microcircolatorio locale. Gli adipociti infatti non sono drenati correttamente, e di conseguenza detriti e impurità iniziano ad accumularsi inizialmente in una forma liquida, diventando più spessi con il passar del tempo. La presenza di queste sostanze tossiche non drenate provocano di conseguenza l’irritazione dei fibroblasti, che a loro volta rispondono producendo del collagene anomalo che strozza i vasi sanguigni. Questa catena di eventi peggiora ulteriormente il metabolismo del tessuto colpito, creando un circolo vizioso che si traduce nella formazione della cosiddetta cellulite.

Dove fare la carbossiterapia

A questo punto se avete dei problemi legati proprio alla cellulite e visto che manca ormai poco per andare al mare la soluzione ideale, indolore e soprattutto veloce è il ricorso alla carbossiterapia disponibile a Milano. A tale proposito se vi ponete la domanda dove fare la carbossiterapia a Milano, la risposta è facile da fornire; infatti, vi basta contattare un centro professionale allo 0283595639 ottenendo un preventivo gratuito, e soprattutto potrete avere notizie in merito alle adiposità localizzate, come eliminarle, in quanto tempo e con quali costi. Premesso ciò, adesso è doveroso fornire alcune informazioni dettagliate sulla carbossiterapia illustrando in sintesi come funziona questa tecnica di rimozione della cellulite.

Come funziona la carbossiterapia

Utilizzando il principio fisiologico noto come compensazione dell’ossigeno, la carbossiterapia per la cellulite sfrutta l’anidride carbonica naturalmente presente nel corpo umano. Ogni singola cellula riceve infatti la sua energia dall’ossigeno che respiriamo, e quindi emette biossido di carbonio come prodotto di scarto del metabolismo cellulare (leggi a tal proposito anche su Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Carbossiterapia). A questo punto sicuramente vi state chiedendo perché questo principio è così importante per il trattamento della cellulite. La risposta non è difficile da fornire; infatti, è scientificamente provato che tale patologia è causata almeno in parte da una cattiva circolazione del sangue. La carbossiterapia in tal senso può essere utilizzata per il trattamento della cellulite e per la rimozione del grasso. La cellulite nello specifico si manifesta con una pelle a fossette causata da depositi di grasso appena sotto di essa, e tra l’altro può essere più comunemente trovata nell’addome, nelle gambe e nella regione pelvica. La cellulite è possibile catalogarla in tre gradi, per cui quella di primo grado è visibile solo al microscopio che è in grado di rilevare i cambiamenti anatomici delle cellule. La cellulite di secondo grado viene invece diagnosticata in presenza di una pelle di un colore anomalo e con la mancanza di elasticità. Quella di terzo grado infine può essere vista con la pelle a fossette e con tutti gli altri segni tipici del secondo. Fatta questa importante premessa ritornando al trattamento vediamo come viene eseguito con la carbossiterapia a Milano. 

Come viene eseguita la carbossiterapia

Le specifiche della procedura di carbossiterapia variano in base alla parte del corpo da trattare. I meccanismi tuttavia sono per lo più gli stessi; infatti, un serbatoio di anidride carbonica è collegato a un regolatore di flusso con tubi di plastica. Il medico del centro ne regolerà attentamente la quantità che ne fluisce attraverso dei tubi sterili che hanno un filtro all’estremità. Quest’ultimo raccoglie le impurità prima che raggiungano il corpo. L’anidride carbonica defluisce quindi attraverso la cruna di un ago molto sottile e quindi del tutto indolore, ma tuttavia alcuni medici optano per l’applicazione di una crema anestetizzante prima del trattamento che dura circa venti minuti.

I benefici dopo la carbossiterapia

Il processo di carbossiterapia per la rimozione della cellulite lascia la pelle luminosa e con un aspetto meno increspato, stimolando nel contempo la produzione di collagene e migliorandone l’estetica con pochissimo dolore per il paziente. Per ottenere il massimo risultato sono necessari tuttavia trattamenti multipli di carbossiterapia per la rimozione della cellulite, ed inoltre è anche importante notare che i benefici possono variare da paziente a paziente. Inoltre come si evince da numerose recensioni sul tema, molte donne che si sono sottoposte al trattamento hanno notato una sensibile riduzione della loro cellulite specie all’altezza di gambe e glutei. A margine vale la pena sottolineare che la procedura di carbossiterapia è relativamente priva di rischi per i pazienti, seppur ci sono alcuni effetti collaterali lievi come ad esempio un leggero gonfiore e rossore dell’area trattata, alcuni lividi nel punto dell’iniezione e una sensazione di calore che svanisce dopo circa 24 ore.